PRESENTAZIONE DEL PROGETTO


ERASMUS + PARTENARIATI STRATEGICI VET

Cook for Future

NUOVI ORIZZONTI VET PER L’INCLUSIONE SOCIALE NEL SERVIZIO ALIMENTARE

2017 – ES01-KA202-038142

Clicca per la galleria fotografica

Il Progetto

Il settore non profit presenta una serie di bisogni che intendiamo soddisfare attraverso i risultati di questo progetto. Principalmente “Cook for future” nasce dalla necessità per i lavoratori di acquisire competenze nello sviluppo di iniziative economiche nel campo della salute sociale, al fine di: 

  • creare un nuovo profilo professionale nel mercato del lavoro (sia per i lavoratori che per gli utenti delle organizzazioni sociali)
  • promuovere l’inclusione delle persone svantaggiate nella società
  • ridurre la spesa pubblica
  • consentire alle imprese sociali di creare progetti economicamente sostenibili nel quadro del “benessere generativo”. 

Inoltre abbiamo anche deciso di affrontare un problema che sta colpendo il nostro paese: lo spreco alimentare. Infatti questo progetto di ristorazione sociale propone di educare e incentivare le piccole imprese sociali nelle procedure di riduzione dei rifiuti alimentari e di organizzare una gestione dei rifiuti di successo utilizzando i rifiuti esistenti nel miglior modo possibile.

Le organizzazioni, che lavorano nel campo dell’inclusione sociale, prendendo parte a questo progetto, saranno coinvolte nella realizzazione di iniziative imprenditoriali in collaborazione con l’Università Matej Bel di Slovacchia, che sta creando un master di educazione specializzato in Impresa sociale.

Tutte queste organizzazioni hanno interesse nel campo dell’impresa sociale e hanno collaborato allo sviluppo del progetto impegnandosi per i seguenti obiettivi:

  1. Creare una strategia europea per la formazione e l’occupazione di professionisti nel campo dell’accoglienza sociale.
  2. Sviluppare una strategia europea per la formazione e l’occupazione delle persone a rischio di esclusione sociale.
  3. Promuovere la qualità e la sostenibilità dei servizi di catering secondo i principi del “Welfare generativo” per garantirne l’autosostenibilità.
  4. Ridurre la spesa pubblica attraverso la promozione dell’autogestione delle imprese sociali e lo sviluppo di iniziative sociali autosufficienti.
  5. Formare le risorse umane con ruolo di Manager del servizio di ristorazione sociale nel campo dell’accoglienza inclusiva (utenti della salute mentale, vittime di abusi sui minori, immigrati, rifugiati, persone con disabilità, …).
  6. Discutere della necessità di creare una politica globale di spreco alimentare che stabilisca Linee guida europee per incrementare significativamente gli investimenti delle imprese alimentari.

Al fine di raggiungere gli obiettivi, nel corso del progetto verranno svolte le seguenti attività:

  1. Formazione dei tecnici di progetto nella gestione e organizzazione
  2. Attività di formazione a lungo termine per insegnanti in un corso di gestione di un ristorante sociale, in cui lavoreranno sulla gestione di iniziative economiche nel campo dell’accoglienza sociale
  3. Corso misto rivolto agli utenti del servizio che fanno parte di organizzazioni socio-sanitarie in cui apprenderanno i principi di base dell’accoglienza e del servizio.

Il nostro obiettivo è ottenere, di conseguenza, un manuale specifico dedicato alle ONG che desiderano intraprendere un’attività socioeconomica che includa persone a rischio di esclusione sociale, una guida ai ristoranti sociali in Europa, un nuovo curriculum o formazione professionale che consenta agli assistenti sociali di gestire un ristorante sociale e un corso misto per utenti svantaggiati interessati a lavorare nell’accoglienza. Faremo in modo che durante e dopo la realizzazione del progetto vengano divulgati i nostri risultati.

A tal fine, tutto il materiale prodotto verrà consegnato direttamente ai centri di collocamento, agli uffici provinciali del mercato del lavoro, ai servizi sociali locali, alle ONG, alle società e alle organizzazioni coinvolte o potenzialmente interessate.

L’obiettivo della nostra diffusione sarà che tutte le aziende nell’area dell’accoglienza con una vocazione etica possano aprire le porte ai lavoratori svantaggiati.

In questo modo, speriamo di collaborare per influenzare le politiche pubbliche creando, a lungo termine, un cambio di direzione verso un sistema più sostenibile, all’interno del modello di Welfare generativo e rafforzando la cooperazione tra pubblica amministrazione, aziende, settore non profit e cittadini .

Il progetto mira inoltre a ridurre la spesa pubblica, il numero di disoccupati e le persone a rischio di esclusione ampliando le possibilità del mercato del lavoro nel settore sanitario e sociale.


Risultati

1) PRODOTTO INTELLETTUALE 1: RISTORANTE SOCIALE IN EUROPA

a) Guida tecnica per ristoranti sociali

Questa ricerca è una guida per trovare informazioni sulle caratteristiche delle imprese sociali nell’UE, le caratteristiche dell’industria alimentare, la loro importanza finanziaria nel settore dell’ospitalità, il contesto e l’importanza e, infine, sulla disuguaglianza di genere nell’industria alimentare.

Scarica qui la guida in inglese
Scarica qui la guida in italiano

 

 

 

b) Criteri per la selezione delle migliori pratiche di ristoranti sociali in Europa

Questo documento contiene l’insieme di criteri direttamente correlati alle caratteristiche delle imprese sociali, basato sulle definizioni della Commissione europea (2011). Questi criteri sono di natura economica, sociale e ambientale. È su questi criteri che abbiamo fatto affidamento per la creazione della mappatura dei ristoranti sociali e di ristorazione elencati sulla piattaforma.

Scarica i criteri in inglese

Scarica i criteri in italiano


 

c) Piattaforma online di ristoranti sociali

Questa piattaforma online è il risultato di un’indagine sulla gestione sociale in Europa. Il sito web si rivela essere l’unica piattaforma a livello europeo che contiene le più importanti imprese sociali nel campo dell’ospitalità sociale e i materiali e i corsi per la formazione e l’avvio del proprio progetto … 

Visita il nostro WEB: WWW.COOKFORFUTURE.ORG

 

d) Guide alle buone pratiche 2019

Questo libro è una selezione dei ristoranti sociali che si sono distinti di più secondo il nostro team internazionale nel 2019.

Scarica la guida in inglese
Scarica qui la guida in italiano


 

 

 

e) Guide alle buone prassi per il 2020

Questo libro è una selezione dei ristoranti sociali che si sono distinti di più secondo il nostro team internazionale nel 2020


Guía de buenas prácticas 2020 final




 

 

f) Mappatura dei ristoranti sociali

Questa mappatura è il risultato di un’indagine sui ristoranti sociali in Europa.

Mapping

 

2) PRODOTTO INTELLETTUALE 2: Nuovo CV IFP per Manager di Social Restaurant

Curriculum di formazione professionale per Manager del Social Restaurant che comprende:

  • Concetto di politica sociale
  • Rapporto tra politica economica e sociale
  • Principi della politica sociale e sue funzioni
  • Strumenti sociali, responsabili politici

Per questo, sono state condotte interviste con ONG, istituzioni pubbliche, ospitalità sociale e attori del turismo sociale. 

Puoi vedere: 

  • Le competenze specifiche richieste per il mercato del lavoro; 
  • Aspettative nelle interviste con potenziali manager; 
  • Individuazione di metodologie didattiche interattive innovative; 
  • Individuazione di competenze utili per la gestione del settore; 
  • Strategie di mobilità europea sulla domanda di lavoro; 
  • Strategie orientate alla qualità del servizio e alla formazione di educatori, insegnanti e utenti.

Scarica il programma in inglese
Scarica il programma in italiano

 

3) PRODOTTO INTELLETTUALE 3: Guida all’avvio del ristorante sociale

Manuale dedicato alle ONG che vogliono avviare un’attività commerciale comprese le persone a rischio di esclusione sociale. 

Scarica la guida in inglese

 

 

 

4) PRODOTTO INTELLETTUALE 4: CORSO ONLINE DI OSPITALITÀ SOCIALE PER GLI UTENTI DI ORGANIZZAZIONI SOCIO-SANITARIE

Corso online dedicato agli utenti e alle persone a rischio di esclusione sociale che aspirano a lavorare nei ristoranti sociali.

Segui il corso in inglese

Segui il corso in italiano

Il  Corso di Mastrobirraio organizzato grazie alle esperienze ed alle riflessioni generate dal progetto Cook for Future!

Evento Moltiplicatore in Italia

21 dicembre 2019 – Brindisi

22 dicembre 2019 – San Giorgio Jonico (TA)

Evento Moltiplicatore in Italia

Evento Moltiplicatore in Spagna

Evento Moltiplicatore in Slovacchia

 


Chi Siamo

Fundación Escuela de Solidaridad

L’obiettivo della Fundación Escuela de Solidaridad (FES) è di accogliere e intervenire su persone senza radici, con svantaggi sociali, maltrattamenti o a rischio esclusione sociale. Nella nostra associazione riceviamo madri con bambini in situazioni di emergenza, giovani immigrati, persone con disabilità senza famiglia, adolescenti in situazioni di rischio o altre persone che necessitano di una casa. Il nostro obiettivo è creare case con calore familiare, spazi condivisi ed educazione ai valori, ricerca della formazione e del supporto necessario per l’interazione sociale.

Le nostre attività regolari comprendono lavoro amministrativo, asilo nido per bambini, arte, supporto scolastico, manutenzione generale, attività legate allo EVS, pratiche di igiene e lezioni di lingua, stage di formazione e la diffusione di attività culturali, etc.

FES è stata fondata 24 anni fa e, da allora, lavora per gli obiettivi citati, trasferendosi, quattro anni fa, nella Sierra Elvira, in una sede ideale per l’espletamento di tali  attività. Inoltre vi sono altre 6 case al di fuori dei limiti della fondazione. Uno ad Alozaina (Malaga) dove si svolgono seminari sul lavoro, un altro a Saleres (Granada), uno a Fuente Vaqueros (Granada), dove vengono realizzati orti e poi altri tre in Sierra Elvira (uno di loro è quello di diventare un centro di attività culturali).
I volontari collaborano con noi con diversi gradi di partecipazione. Collaboriamo anche con altre organizzazioni e partecipiamo ad attività in altre città e nella stessa Granada.

FES offre alle persone ospitate la possibilità di vivere un’esperienza di solidarietà e arricchire l’apprendimento e l’acquisizione di competenze per il loro sviluppo personale, educativo e professionale. Questo si svolge in un ambiente eccellente per conoscere la cultura andalusa.

In FES realizziamo diversi programmi:

PROGETTO “Mejor con mamá” La stragrande maggioranza dei bambini a rischio è in famiglie senza figura paterna. Crediamo che il modo migliore per proteggere questi bambini sia averli a casa con le loro madri. Oltre a offrire loro un riparo e soddisfare tutte le loro necessità di base, diamo loro il calore e il supporto emotivo necessari per aiutare la famiglia a superare la crisi e recuperare la propria indipendenza.

PROGETTO  “Mejor educado” Ogni persona riceve la formazione adeguata per consentire la propria integrazione sociale e culturale. Gli utenti ricevono un supporto per il loro sviluppo formativo, consentendo loro di essere i migliori che possono essere, riuscendo sia a livello scolastico che personale.

PROGETTO  “Mantenido ocupado” Questo programma si basa su seminari professionali che insegnano ai nostri utenti vari mestieri. Tra questi abbiamo: sartoria, tappezzeria, restauro di lampade, orticoltura, intarsio, candele e saponi, metallo, artigianato in vetro. I seminari futuri saranno: metallo, rame, ceramica, carpenteria, riparazioni di PC.

PROGETTO  “Mejor en compañia” Questo è un programma per coloro che hanno lasciato il nostro alloggio ma che continuiamo a sostenere fino a quando non saranno completamente integrati nella società.

PROGETTO “Mejor al aire libre” Questi sono programmi sportivi e all’aperto. La Fondazione sviluppa attività educative, sportive e ambientali outdoor che sono disponibili per tutti coloro che vivono all’interno della Fondazione.

 

Cooperativa Sociale Artemide (clicca su “Chi Siamo”)

 

 

Università Matej Bel di Banska Bystrica 

L’università Matej Bel di Banska Bystrica è la principale università della Slovacchia centrale. È composto da 6 facoltà (Facoltà di Economia, Facoltà di Lettere, Facoltà di Scienze Naturali, Facoltà di Giurisprudenza, Facoltà di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali e Facoltà di Scienze della Formazione). L’università ha quasi 600 docenti e ricercatori universitari e circa 9000 studenti. La cooperazione internazionale si è sviluppata rapidamente negli ultimi anni principalmente attraverso numerosi programmi dell’UE.

L’Università di Matej Bel ha partecipato a progetti nell’ambito del 5 °, 6 ° e 7 ° programma quadro nonché di Horizon 2020 e ha esperienza a lungo termine nella partecipazione a molti altri progetti di ricerca finanziati da vari fondi di finanziamento, ad esempio fondi NIL, OSF, CEEPUS, Programma Europa centrale, Erasmus, British KHF, American Express, EEA GRANTS, VISEGRAD ecc. 

Matej Bel University è coinvolta in 4 progetti H2020 in corso e che svolgono un ruolo chiave in Vision2020, che è una prestigiosa rete di università e PMI europee che mirano a una maggiore partecipazione in Horizon2020.

UMB ha un’infrastruttura avanzata e sufficiente con tutte le attrezzature tecniche necessarie (laptop, PC, stampanti e scanner, fax e tutto l’hardware e il software necessari) che è stato implementato negli ultimi anni con il sostegno finanziario dei Fondi Strutturali Europei. Tutti i locali universitari hanno accesso a database mondiali come Cambridge Journals: Humanities and Social Sciences, Emerald, Scopus, Science Direct, Springer Link, Web of Knowledge, Wiley Online Library ecc. UMB offre ampi spazi e strutture per la ricerca, l’insegnamento e il networking.

Ci saranno membri di due facoltà coinvolte nella realizzazione del progetto – Facoltà di Scienze della Formazione e Facoltà di Economia.

La mission della Facoltà di Scienze della Formazione è quella di preparare nuovi professionisti nelle professioni focalizzate sul lavoro con le persone, vale a dire professioni educative e sociali, nonché sviluppare le loro conoscenze scientifiche. Il processo di istruzione presso la Facoltà è realizzato da nove dipartimenti che impiegano 119 insegnanti universitari. La Facoltà di Scienze della Formazione fornisce istruzione in programmi accreditati al 1 °, 2 ° e 3 ° livello di studi universitari. Le attività scientifiche e di ricerca della Facoltà si concentrano sulla ricerca di base e applicata nella teoria dell’educazione sul campo di singole materie, pedagogia, psicologia , lavoro sociale, arte e teologia evangelica. La Facoltà e i suoi dipartimenti cooperano con le relative istituzioni straniere che forniscono istruzione universitaria nella Repubblica Ceca, Germania, Polonia, Ungheria, Regno Unito, Belgio, Svizzera, Stati Uniti, Paesi Bassi e Serbia.

La Facoltà di Economia appartiene alle migliori facoltà economiche della Repubblica slovacca. La Facoltà di Economia offre programmi di studio in 6 campi di studio accreditati: Turismo; Economia e gestione delle imprese; Gestione; Finanza, banche e investimenti; Economia e servizi pubblici; Sviluppo regionale e pubblica amministrazione. Gli studenti possono conseguire “laurea”, “master” o “dottorato”. Per gli anni della sua esistenza, la Facoltà ha subìto significativi cambiamenti concettuali, il che significa progresso e creatività. Sulla base dei risultati dell’accreditamento e della valutazione e della maggiore domanda di studio rispetto all’offerta, la Facoltà di Economia dell’Università Matej Bel appartiene a istituti di istruzione superiore stabilizzati e completi in Slovacchia. Attualmente la Facoltà ha quasi 2.800 studenti.

Le due facoltà coinvolte nel progetto svilupperanno il nuovo programma di studio incentrato sull’economia e la gestione del lavoro sociale. L’obiettivo del programma di studio è preparare lo specialista all’Impresa sociale.

Il Dipartimento di Lavoro Sociale della MBU garantirà un programma di studio Lavoro sociale come programma di studio di Bachelorato, Master e Dottorato. La ricerca presso il Dipartimento del lavoro sociale si è gradualmente specializzata nelle seguenti aree: teoria e metodologia del lavoro sociale, lavoro sociale con le famiglie, politica sociale e sicurezza sociale, Terzo settore e volontariato, lavoro sociale per i giovani, lavoro sociale con gli anziani, la presenza del fenomeno sociale della popolazione rom. I membri del Dipartimento hanno pubblicato attivamente nelle aree menzionate e hanno partecipato alla realizzazione di numerosi progetti di ricerca scientifica di ricerca di base e applicata. Questa cooperazione si traduce in seminari congiunti, conferenze, scambi di studenti e insegnanti nell’ambito del programma Erasmus, lo scambio reciproco di letteratura professionale, pubblicazioni congiunte in atti e riviste, partecipazione a conferenze e progetti comuni. Un’importante attività del Dipartimento è stata l’organizzazione delle attività di volontariato degli studenti. Questa attività ha notevolmente aiutato il profilo del Dipartimento non solo all’interno della MBU, ma anche all’esterno. 

 

 

Fundación Tomillo

La Fundación Tomillo è un’organizzazione no profit focalizzata sullo sviluppo di persone e comunità a sud di Madrid. Il suo intervento include aiutare i bambini con difficoltà nella loro scuola. Tomillo offre attività ricreative di benessere e assiste i bambini nel processo decisionale insieme a come gestirli per continuare a raggiungere il successo. Inoltre guida e supporta le famiglie per consentire loro di svolgere con maggiore efficacia la loro funzione educativa, dalla prima infanzia all’adolescenza. Ciò comporta un lavoro collaborativo con la famiglia, con i settori educativi, sociali e sanitari.

D’altra parte, Tomillo si concentra anche sul miglioramento dell’occupabilità delle persone che sono a rischio di esclusione sociale, in particolare i giovani, costruendo percorsi di lavoro e di inclusione sociale. Tomillo fornisce l’IFP (livello base e medio) ai giovani a rischio di povertà o esclusione sociale o provenienti da contesti svantaggiati in diversi profili educativi: operatori elettrici, informatici, ragioneieri e contabili e cuochi e camerieri.. Gli studenti sono, talvolta, coinvolti nella partecipazione a progetti di innovazione sociale con approcci sistemici. Inoltre, Tomillo offre formazione per corsi specializzati sull’occupazione. Ad esempio, Tomillo partecipa a “Gastronomix” (http://proyectogastronomix.org/), un progetto che prevede l’offerta di formazione culinaria per 50 giovani da parte del Basco Culinary Center. In questo contesto, Tomillo sviluppa itinerari di orientamento professionale per i partecipanti. Come in questo caso, il modello di intervento si concentra sulla persona, comprendendo che la formazione, l’occupazione (e il lavoro autonomo) sono veicoli che promuovono e facilitano l’inclusione sociale attiva.

Infine, Tomillo è coinvolto nella creazione di un’impresa di catering sociale attraverso la quale i loro studenti di catering IFP avranno la loro prima esperienza professionale in un vero ambiente di lavoro. Il progetto è guidato dall’Area di Ricerca e Innovazione sociale.

Tomillo ha una lunga esperienza nello sviluppo di attività di mobilità per l’apprendimento nel campo dell’istruzione, in particolare nell’ambito di Erasmus +. In questo contesto, Tomillo ha incoraggiato i loro giovani allievi a trascorrere circa due mesi all’estero (generalmente lavorando per aziende nel Regno Unito) al fine di rafforzare l’acquisizione di competenze personali e professionali e migliorare la loro occupabilità. Questa iniziativa ha rafforzato la loro motivazione e opportunità, soprattutto perché di solito provengono da contesti svantaggiati. Tomillo è stato coinvolto in queste attività negli ultimi cinque anni. Nel 2017 hanno partecipato a questo progetto circa 14 giovani.

Inoltre, a seguito della sua esperienza, Tomillo è coinvolto in reti di organizzazioni senza scopo di lucro che implementano programmi incentrati sull’invio e l’accoglienza di volontari in tutti i paesi europei. Attualmente, Tomillo è coinvolto in un progetto EVS (servizio volontario europeo) con altre sei organizzazioni spagnole ed europee no profit provenienti da Romania, Polonia, Francia, Gran Bretagna e Germania. In questo contesto, la partecipazione di Tomillo implica l’invio di due volontari per un periodo compreso tra uno e sei mesi. I volontari sono giovani di età compresa tra 18 e 20 anni che stanno finendo il liceo in attesa di entrare in contatto con nuove persone e culture al fine di acquisire competenze personali.